Il territorio

Castello di Venetico Superiore

Il territorio di Venetico

Venetico è un Comune di 3.944 abitanti (Popolazione residente al 01/01/2017). Dista circa 30 km da Messina. Il territorio comunale è compreso fra le pendici settentrionali dei Monti Peloritani e la costa tirrenica.

È costituito da una cresta collinare che digrada verso il mare, compresa fra le valli fluviali dei torrenti Senia, a ovest, e Cocuzzaro, a est.

Tali corsi d’acqua costituiscono anche il confine con i comuni limitrofi di Valdina e Spadafora. Geologicamente il territorio si presenta nella zona costiera, quella grossomodo compresa tra la vecchia linea ferroviaria ed il mare, di origine alluvionale.

Man mano che si procede verso monte, invece, si riscontrano ampie estensioni di terreno argilloso (cosa che ha dato notevole impulso all’industria dei laterizi), arenarie e terreni marnosi, mentre la cresta su cui sorge la frazione di Venetico Superiore è costituita da calcari evaporitici.

Venetico Superiore, frazione di circa 400 abitanti, sorge a circa 220 m s.l.m. lungo la Strada Provinciale n. 56 Venetico-Rometta, a circa 4 km dalla SS 113. Rappresenta l’originario nucleo medievale del centro abitato, con stradine strette e tortuose;

Venetico Marina, centro principale, sorge sulla costa, sviluppandosi principalmente attorno alla S.S. 113. Nato come frazione, negli ultimi decenni ha acquistato importanza a scapito del centro collinare, fino al punto da vedervisi trasferita, all’inizio degli anni sessanta, la sede municipale dalla sua originaria ubicazione a Venetico Superiore. Oggi è in continua espansione urbanistica. Possiede un’ampia spiaggia con annesso lungomare, meta del flusso turistico nei mesi estivi.

L’economia venetichese è basata soprattutto sul turismo estivo, ma anche sulla lavorazione di laterizi e relativi annessi, sulla pesca e sull’agricoltura.

A Venetico Marina hanno sede numerose fabbriche di laterizi e manifatture di vario genere (produzione d’infissi, prodotti per laterizi, lavorazione del ferro battuto, ecc.).

In estate la spiaggia è meta di numerosi bagnanti provenienti anche dai centri vicini e da Messina. Negli ultimi anni inoltre si è iniziata a registrare la presenza di turisti provenienti da altre regioni d’Italia.

Per tali motivi, soprattutto nel primo decennio del XXI secolo sono sorte numerose infrastrutture (lidi, ristoranti, pensioni) volte a sfruttare questa nuova fonte d’introiti.

Altro incentivo è stato dato dalla costruzione del nuovo lungomare, divenuto luogo di ritrovo principale dei villeggianti nelle serate estive.

Lidi nel Lungomare di Venetico Marina
Lungomare di Venetico Marina
Piazza Papa Giovanni XXIII
Lungomare di Venetico Marina

Altra fonte di reddito risulta essere la piccola pesca locale: a Venetico Marina troviamo una discreta flotta peschereccia, dedita soprattutto alla pesca costiera ravvicinata. Il derivato di tale pesca, oltre che a soddisfare appieno le esigenze del territorio, viene anche commercializzato nei paesi limitrofi.

Piazza Papa Giovanni XXIII

Venetico Superiore invece incentra la sua economia principalmente sull’agricoltura (i suoi prodotti, coltivati nelle campagne intorno al paese, sono olive, uva e agrumi), e sul turismo estivo, con le stradine caratteristiche di epoca medievale, il castello, ed il panorama sul Golfo di Milazzo come attrazioni principali.